Pubblicato il Lascia un commento

Attrezzature ed accessori per ARMADI

ATTREZZATURE ed ACCESSORI per ARMADI

Sempre più negli ultimi tempi i prodotti di arredamento si sono evoluti non solo a livello di qualità di materiali e strutture ma anche in componentistica, oggi si possono scegliere fra varie tipologie di armadi: battente, scorrevole, cabine armadio, camerini.

Sulle differenze e proprietà di queste tipologie ci soffermeremo in un altro momento, oggi vogliamo parlarvi di cosa possiamo inserire all’interno di questi armadi, per l’appunto parliamo di attrezzature ed accessori per armadi.

Oramai quasi tutte le aziende produttrici propongo una svariata e nutrita serie di accessori per contenere, illuminare e persino sanificare l’interno dell’armadio.

Per meglio comprendere gli argomenti, in questo articolo abbiamo inserito a titolo esemplificativo foto relative a prodotti della ditte DALL’AGNESE e ORME Design, aziende produttrici di sistemi giorno/notte nostre partner nelle progettazioni e forniture d’arredi.


IL RIPIANO… si è evoluto…

È l’elemento base che tutti conoscono, il più semplice e il meno costoso, normalmente gli armadi standard ne prevedono uno centrale in tutti i vani con il suo tubo appendiabiti di serie.

Proprio per la sua semplicità d’uso (riposizionabili dal cliente) e basso costo, si usa spesso per aumentare la superfice di appoggio e non solo nei cosiddetti armadi di servizio dedicati ad asciugamani, lenzuola, piumini, ecc.

Se vogliamo inserire nell’armadio attrezzatura più specifica per le varie tipologie di necessità, oggi abbiamo a disposizione nuovi accessori, che possono sostituire o integrare il classico ripiano:

  • Portapantaloni estraibile, posizionabile anche appena sotto il classico ripiano eliminando il tubo appendiabiti.
  • Ripiano con telaio in alluminio e vetro, bellissima ed elegante soluzione estetica, si usa soprattutto negli armadi con ante in vetro in modo da avere un’armonia estetica e di finiture/materiali
  • Vassoio estraibile, disponibile in svariate finiture (legno, alluminio) e diverse altezze contenitive. Al loro interno lo spazio può essere lasciato libero o attrezzato con contenitori di vario tipo per le diverse necessità: cravatte, intimo, portagioie, portaocchiali, ecc.
  • Porta sacche estraibile, accessorio per il contenimento della biancheria da lavare
  • Scarpiera inclinata, è un accessorio sempre più richiesto, si tratta di un ripiano in legno o metallo con dei battitacco per sostenere le scarpe inclinate permettendone il posizionamento su due file in profondità.

Molti di questi accessori possono essere disposti liberamente nell’armadio o allestiti appena sotto un ripiano, in questo modo si recupera appoggio e si protegge meglio il contenuto da polvere.


DIVISORIO VERTICALE … che bella invenzione…

Si tratta di un mini fianco posto internamente al vano dell’armadio che appoggia sul fondo e arriva fino ad un ripiano al quale viene fissato creando quindi una mini divisione interna in due vani interna al vano principale dell’armadio.

Questa soluzione è nata inizialmente per soddisfare le necessità di sfruttare meglio i grandi vani degli armadi scorrevoli, ad oggi possiamo scegliere tra moltissime misure di suddivisione sia in altezza che larghezza.

Ma cosa ci facciamo poi di questa suddivisione?… tante cose 😊 , in questi “mini vani” possiamo inserire:

  • Spazio per appendimento
  • Ripiani e accessori
  • Cassettiere
  • Vani liberi per scope, aspirapolveri, ecc. (armadi di servizio)

Ebbene si, pensate solo al caso di un armadio di servizio che può essere attrezzato con un spazio alto per scope e a lato una parte tutta ripiani per detersivi! Oppure nel caso appunto di un armadio scorrevole la possibilità di suddividere gli spazi come meglio desiderate secondo vs esigenze, insomma un vero “programma” di soluzioni da configurare a piacimento, nella foto un esempio.

Esempi di suddivisione nei vani delle armadiature

CASSETTIERE INTERNE … addio al comò?…

Sempre più nelle case moderne le dimensioni delle stanze non permettono di inserire tutto quello che si vuole (armadio, comò, settimanali, comodini, ecc.), ecco che ci vengono in aiuto questo bellissimo accessorio che sono le cassettiere e i cestoni.

Si, abbiamo anche i cestoni, l’interno dell’armadio ormai assomiglia sempre più (passatemi il paragone 😊) ad una cucina attrezzata.

I cassetti e cestoni (chiamiamoli cassettiere per comodità) normalmente di serie non sono ad estrazione totale però sempre più produttori danno la possibilità di aggiungere l’optional per far si che il cassetto o cestone possa uscire del tutto.

I frontali delle cassettiere non sono più dei solo semplici frontali tecnici, si possono ormai scegliere fra finiture diverse, vetri, maniglie, laccetti, gole, ecc.

Le cassettiere possono essere composte in verticale ottenendo dei veri e propri “settimanali o comò interni”, e se si vuole fare anche una cosa bella a vedersi, si possono anche posizionare elementi sospesi.

Esempi di cassettiere e cestoni

RASTER, SPECCHI, LUCI, SANIFICATORI, SERVETTI … per completare l’armadio senza farci mancare nulla

RASTER

anche chiamato ALVEARE, si tratta di una struttura con dei vani a giorno realizzata con spessori inferiori a quelli del ripiano in modo da apparire più leggera alla vista e realizzare quindi maggior superfice d’appoggio per quegli indumenti che devono essere piegati e non sovrapposti (capi delicati, camicie, ecc.)

È un’alternativa a fare tanti ripiani sovrapposti, alcune aziende produttrici possono fornire anche dei cassettini interni.

SPECCHI

interni, fisso o mobile… certo, non pensate solo al classico specchio fissato all’interno dell’anta dell’armadio, esistono anche degli specchi interni estraibili ed orientabili sia per armadi scorrevoli che per armadi battente. Ecco finalmente risolto il classico problema di non riuscire a vedersi a figura interna tra le ante del nostro armadio…. già avete capito bene, potete comperarlo anche come accessorio ed aggiungerlo al vostro armadio.

LUCI

led per l’illuminazione interna, questa tecnologia ci permette oggi soluzioni che fino a qualche anno fa non si potevano affrontare. Le luci possono essere posizionate sul capello dell’armadio o sul fianco verticale, sono dotate di sensore all’apertura e quindi si accendono solo quando usate.

  • La luce orizzontale sul cappello permette una illuminazione dall’alto, costa meno ma rende anche meno. Se si hanno tanti ripiani o divisioni la luce non entra ad illuminare dappertutto.
  • La luce verticale sul fianco permette una illuminazione laterale, può essere posizionate su uno o entrambi i fianchi dell’armadio, costa di più ma illumina praticamente ovunque.

I SANIFICATORI

sono degli accessori comparsi nel mercato da qualche anno e nell’ultimo periodo storico hanno avuto un incremento iperbolico delle vendite. Il principio di funzionamento è simile un po’per tutti i modelli sul mercato, si tratta di una scatolina di metallo con un sensore che alla chiusura dell’armadio si attiva, mette in moto le ventoline interne e raccoglie l’aria interna all’armadio facendola passare su dei filtri interni e ad una luce led ultravioletta

Quest’ultima sanifica sia l’aria di passaggio che i filtri che nel frattempo hanno raccolto batteri.

Possono funzionare a batteria o collegati alla rete elettrica (dipende dai modelli), è un sistema collaudato e sicuro usato ormai da molti anni sia nell’ambito delle case che nei sistemi di grandi impianti delle industrie e attività commerciali.

Molti di questi accessori oltre a sanificare introducono anche un leggero profumo nell’ambiente, pensate che bello aprire l’armadio, in cui avete anche le scarpe, e sentirne finalmente uscire un gradevole profumo!

IL SERVETTO

una volta era l’unico accessorio disponibile insieme alle cassettiere e i ripiani per poter attrezzare l’armadio con “qualcosa in più”.

Nel corso degli anni non è cambiato molto, hanno aggiunto finiture, ammortizzatori più efficaci ma nella sostanza è rimasto inalterato nella sua funzione d’uso. Ricordo che non è in genere disponibile per tutti i vani degli armadi scorrevoli e per i grandi vani (oltre i 120 cm circa).


CONCLUSIONI e considerazioni finali

Quasi tutti i tipi di accessori sono legati al modello di armadio nativo, quindi non è sempre possibile adattare un accessorio di una marca/modello con un’altra marca/modello. alcuni accessori invece non sono legati alle misure modulistiche come: servetti, specchi interni o estraibili e qualche tipo di cassettiera.

Quante cose sull’interno degli armadi! pensate che non abbiamo ancora parlato di finiture, spessori, materiali, cerniere, strutture, componibilità …ne tratteremo in un’altro articolo.

Look Interiors è a disposizione della clientela per progettare, organizzare, preventivare, fornire e allestire il vostro armadio, contattaci per maggiori dettagli tel. 0444 877616 o scriveteci info@lookinteriors.it

Bolzan Loredana – Lookinteriors.it

Pubblicato il Lascia un commento

Carta da parati: complemento o finitura?

Carta da parati: complemento o finitura?

In realtà, nell’ interior design di oggi è praticamente un “must -have” , un vestito che permette di definire lo stile ideale di ogni ambiente della casa.

Ormai dimenticata la vecchia concezione di carta da parati, un po’ spenta e polverosa, oggigiorno, grazie ai nuovi materiali con cui viene realizzata e alla vasta scelta di grafiche, la carta non è un più un semplice rivestimento di una parete, ma diventa un vero e proprio elemento d’ arredo.

Un breve accenno tecnico

La carta da parati può essere realizzata in diversi materiali e stampata su supporti dedicati al tipo di superficie che si vuole rivestire: esistono, infatti carte in cellulosa, pvc o in fibra di vetro, lavabili, trattate con protettivi ecologici e idrorepellenti, adatte anche agli ambienti umidi quali bagni e cucine, dove possono diventare un vero e proprio rivestimento protettivo, sostituendo così, in parte, le più tradizionali piastrelle

Esistono carte fonoassorbenti e per ambienti esterni, certificate secondo i più alti standard e resistenti nel tempo.

Emozioni e stile

Ma è sicuramente l’aspetto creativo quello che spinge a fare la scelta di posare la carta da parati nella propria casa. Che il tuo stile sia moderno, geometrico o romantico floreale, materico o minimal, l’emozione , e un bravo arredatore 😉, ti guideranno nella scelta del design della tua carta…per la tua camera, la cameretta dei bimbi o, perché no, per le pareti della tua doccia!

E se sei un tipo originale e vuoi personalizzare al massimo la tua casa, per te c’è la soluzione Custom, ovvero la possibilità di realizzare la tua carta da parati personalizzata con una grafica a tua scelta.

Seguici per i nostri consigli sulla scelta della carta da parati più adatta ad ogni ambiente…alla prossima!

Per info o preventivi chiamaci allo 0444 877616 o scrivici a info@lookinteriors.it

Ballardin Silvia – LookInteriors.it

Pubblicato il Lascia un commento

Bonus mobili 2021, non tutti sanno che…..

Non tutti sanno che non serve fare una vera e propria ristrutturazione per avere diritto al BONUS MOBILI

In effetti la maggior parte delle persone pensano che questo bonus sia riservato solo a chi effettua una ristrutturazione con lavori di straordinaria manutenzione legati ad abbattimenti di muri, pavimenti, ecc. … In realtà non è così, al bonus mobili si può accedere anche acquistando un semplice climatizzatore nuovo.

Come è ben spiegato nella guida ufficiale dell’agenzia delle entrate (scaricabile qui) nella manutenzione straordinaria rientrano anche :

• gli interventi finalizzati all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia, ad esempio
− l’installazione di una stufa a pellet o di impianti dotati di generatori di calore
alimentati da biomasse combustibili
− l’installazione o l’integrazione di un impianto di climatizzazione invernale ed estiva a
pompa di calore

• la sostituzione della caldaia, in quanto intervento diretto a sostituire una componente
essenziale dell’impianto di riscaldamento

Quindi perché non approfittarne ? Scaricate la guida dell’agenzia delle Entrate (scaricabile qui) e scoprite anche le altre caratteristiche meno note di questo Bonus, tipo:

  • non serve avviare una costosa SCIA o una CILA preparata da un tecnico, basta una semplice autocertificazione
  • potete comperare i mobili della camera anche se l’oggetto della ristrutturazione è il bagno o qualsiasi altra stanza dell’abitazione
  • potete usufruire del finanziamento e non perdere il diritto al Bonus Mobili

Celotto Feliciano – Lookinteriors.it